fbpx
come si gioca a beach volley

Estate, sole, mare, spiaggia e…come si gioca a beach volley? Sia che siate provetti giocatori, professionisti o non siate particolarmente abili il beach volley è una di quelle attività divertenti che tutti prima o poi hanno fatto nella vita.

Ma come si gioca a beach volley? Quali sono le regole?


Storia del gioco


Partiamo dall’inizio: il beach volley nasce dalla pallavolo, inventata nel 1895 dall’americano William G. Morgan. Nella pallavolo (e quindi anche nel beach volley) ci sono elementi del basket, del baseball, del tennis e della pallamano, un mix esplosivo!

Inizialmente Morgan aveva chiamato questo sport Mintonette, in onore del badminton, e lo scopo non è altro che quello di far volare (da qui “volley”) una palla da una parte all’altra della rete.

Lo scopo era appunto far rimbalzare la palla da una parte all’altra del campo (separato da una rete) senza farle toccare terra.

Ma quando nasce il beach volley? Viene fatta risalire al 1915 e nel 1930 viene giocata la prima partita a Santa Monica e il primo torneo venne organizzato nel 1987 sulle spiagge della bellissima Ipanema.


Come si gioca a beach volley? Le regole del gioco


Quindi, come si gioca a beach volley?

Serve un campo di sabbia fine e non appiccicosa, la misura regolare è di 16x8m, circondato da una zona libera di almeno 3m.

Il campo è delimitato da alcune linee e al centro si trova una rete, posta a 2.24m di altezza (per le donne) e 2.43m di altezza (per gli uomini).

A beach volley si gioca in 2, almeno nella versione regolare, e non sono ammessi cambi, quindi uno dei due giocatore è il capitano. E, piccola particolarità, si gioca sempre a piedi scalzi!

Come si articola una partita? In set e per vincere un set sono necessari 21 punti e avere un vantaggio di almeno 2 punti rispetto alla squadra avversaria. Significa che se si dovesse arrivare a 20-20 la squadra vincente dovrà arriva a 22 punti e non 21.

La palla, ovviamente, non deve essere bloccata, trattenuta o accompagnata. Le uniche eccezioni si applicano quando si parla di contesa a muro e attacco forte (un’azione difensiva che prevedere le mani aperte e le braccia tese sopra la testa).

Dopo ogni set la squadra cambia campo, ma anche dopo ogni 7 punti e multipli. Come mai? È necessario per fare in modo tale che entrambe le squadre giochino nelle stesse condizioni: ricordiamoci che il beach volley si gioca al sole.



Ecco quindi come si gioca a beach volley, e ora: tutti a giocare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *