fbpx
quando lo stress è troppo pensavital


Durante il lockdown per arginare il dilagare dell’epidemia da Covid-19, abbiamo tutti vissuto periodi di stress. Tutti, almeno una volta, abbiamo detto: “sono stressato”, “che stress” e abbiamo cercato di trovare un rimedio allo stress fisico e mentale.

Noi di Pensavital ci occupiamo di benessere fisico ed emotivo, due sfere della nostra vita che sono strettamente legate tra loro. Per questo motivo, spesso al malessere fisico si associa anche quello mentale, e viceversa.

Cosa succede al nostro corpo quando lo stress è troppo? E come possiamo reagire?

Cos’è lo stress

Spesso ci capita di abusare di determinate parole e “stress” è una di queste; dunque, cos’è lo stress?

È una reazione fisiologica del nostro organismo, che si manifesta quando percepiamo uno squilibrio tra sollecitazioni interne ed esterne. Le alterazioni del nostro equilibrio possono avvenire su più livelli: a livello endocrino, umorale, organico, biologico, fisico.

Il termine viene utilizzato per la prima volta da Walter Bradford Cannon nel 1935 e la sindrome viene invece definita da Hans Selye nel 1936. Si parla di sindrome da stress quando un più o meno normale stato di squilibrio emotivo diventa patologico, fino ad assumere caratteristiche psicosomatiche.


Dobbiamo però sottolineare una cosa: lo stress è una reazione fisiologica del nostro organismo e non sempre è negativa. È, infatti, quello stimolo che porta a reagire a determinate situazioni difficili e, al tempo stesso, ci consente di evitare pericoli inutili.

I meccanismi fisiologici sono propri e uguali in tutti gli individui, quello che cambia sono i modi di reagire di ognuno di noi. Per questo, gli scienziati parlano di eustress (gli stimoli positivi) e distress (gli stimoli negativi).

Siamo costantemente sottoposti a situazioni di stress: il lavoro, la famiglia, il poco tempo da dedicare a noi stessi ed è più che normale sentirsi sopraffatti a volte. Ma quando possiamo dire di essere veramente stressati?

Quando lo stress è troppo 1


I sintomi dello stress

Gestire lo stress non è facile, anzi è piuttosto difficile e tante persone trovano utile affidarsi alla cura di un esperto.

Lo stress può essere fisico ed emotivo. Nel primo caso, lo stress fisico, i sintomi più comuni sono:

  • Mancanza di energia
  • Disturbi alla digestione
  • Mal di testa
  • Dolori e tensioni muscolari
  • Dolore al petto e battito cardiaco accelerato
  • Insonnia
  • Frequente raffreddore
  • Calo del desiderio sessuale
  • Aumento della sudorazione. Bocca secca e difficoltà a deglutire, digrignamento involontario dei denti.

Nel secondo caso, lo stress emotivo, ci troviamo in uno stato di:

  • Agitazione, frustrazione, cambiamenti d’umore subitanei
  • Sensazione di perdita del controllo
  • Difficoltà a rilassarsi
  • Scarsa autostima, depressione, solitudine, preoccupazione costante
  • Tendenza ad evitare la relazione con altre persone.

Gli effetti dello stress sulla salute

L’assenza di stress è la morte. Solo i morti non hanno stress” Hans Selye (1907-1982)

Una frase chiaramente provocatoria che, però, sottolinea come lo stress faccia parte delle nostre vite.

Ma quando lo stress è troppo? Quando ci troviamo per tanto tempo in uno stato di squilibrio mentale ed emotivo che non ci rende felici e non abbiamo le forze di reagire.

È in questi casi che lo stress diventa un problema, impattando anche la nostra salute. Ad esempio, è frequente che persone che soffrono di stress cronico manifestino mal di testa, fastidi allo stomaco, aumento della pressione, dolore al petto, disturbi del sonno.

Al tempo stesso, lo stress può cambiare il comportamento del singolo, che diventa irritabile, aggressivo, diffidente, timoroso e non comunicativo.

Cosa fare quando lo stress è troppo

Cosa fare quando lo stress è troppo? Comunicare!

La comunicazione è la chiave per risolvere tanti problemi e, se se ne sente il bisogno, rivolgersi ad un esperto per ritrovare serenità e tranquillità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.